Uomini che odiano le donne – Stieg Larsson – letto da Scri

larsson1

Stieg Larsson
Uomini che odiano le donne
Marsilio, Venezia, 2008
pag. 676, 19.50 euro

larsson1Primo libro della trilogia Millennium che, per quanto mi riguarda, ho letto per secondo, senza però perdere nulla della suspense del racconto. Anzi il conoscere in anticipo il destino di Harriet Vanger mi ha reso più curiosa di scoprire come questo destino si fosse compiuto. Scrittura meno ripetitiva del successivo La ragazza che giocava con il fuoco questo Uomini che odiano le donne introduce tutti i personaggi della trilogia e i luoghi reali della città di Stoccolma e dintorni in cui le vicende si svolgono. Sembra che Larsson avesse in mente dieci libri della serie Millennium e che quando, nel 2004, fu improvvisamente colpito da un infarto nella redazione del suo Expo le sue ultime parole siano state “non ora ho ancora molto da fare”.
Ma tornando a Uomini che odiano le donne la vicenda inizia con la condanna per calunnia a Mikael Blomkvist per le accuse rivolte all’affarista Wennerström, pubblicate nella rivista Millennium.

Stieg Larsson – The Girl with the Dragon Tattoo. First book of Millennium trilogy, which I read after the second book of the trology. Larsson introduces in this book all the main characters of its trilogy. Only three books only because he died in 2004. In his mind Millennium was a “saga” of 10 books. In this book the journalist Michael Blomkvist has to find out what happend to Harriet Vanger, disappeared forty years before from the powerful Vanger family. For the first time you will meet the tattooed, truculent computer hacker Lisbeth Salander. The book introduces also to an unknown Sweden made of family violence, prostitution of young ladies coming form east part of Europe, murderers and rapes. Curious the choice of the title for the . The original title is: Men who Hate Women and it is curious the choice for the English version which moves the focus from the main theme of women being used and abused by men to the joung Salander character.

L’avvenimento che sconvolge la vita di Blomkvist e della redazione da l’avvio a un nuovo incarico che per Mikael arriva da Henrik Vanger, vecchio imprenditore e amministratore di uno dei più grandi gruppi industriali svedesi. Il vecchio industriale vuole avere un’ultima occasione per scoprire cosa è successo alla nipote Harriet Vanger scomparsa, adolescente, nel 1966. Il libro ruota intorno a questa ricerca impossibile alla quale inizialmente Blomkvist si dedica quasi di controvoglia, ma che lo coinvolge sempre più man mano che il puzzle di Harriet prende forma.

Anche in questo Uomini che odiano le donne è uno spaccato di vita di quello che c’è dietro lo specchio della Svezia, pulita, ordinata, organizzata, che conosciamo. E’ una Svezia che deve affrontare problemi di disagio sociale, della violenza sulle donne, degli stupri all’interno delle mura domestiche, e che si trova ad affrontare il problema dell’immigrazione dalla Russia e dai paesi baltici e delle attività illegali, prima fra tutte lo sfruttamento della prostituzione. Temi che noti alle nostre latitudini. In questo parallelismo, la considerazione ovvia e triste è che un’unica legge è veramente trasversale alle culture, alle nazioni, alle lingue: è la legge della violenza e della prevaricazione che non conosce confini e si applica ad ogni sistema sociale.

Altri libri di Larsson in ScriCal: La ragazza che giocava con il fuoco
La recensione di Cal: Uomini che odiano le donne

Scri