Rifugio Langenstein – Rifugio Coston – Solda

Tempi Difficoltà Tot. dislivello salita Mezzi Costi Foto
3.40 ore Facile 220 mt. Seggiovia 9,50 a
testa A/R

Torna all’indice Val Venosta

Nebbia, silenzi e neve

L’escursione è facile e spettacolare da un punto di vista del panorama, tempo permettendo. Noi abbiamo fatto tutto il percorso nella nebbia con pochi squarci che ci hanno data una pallida idea della bellezza dell’anfiteatro nel quale ci trovavamo. Dalla stazione a monte della seggiovia Langestein (2330 mt) si imbocca il sentiero n. 3.
Tutto il percorso (Morosiniweg) è ben tracciato e segnato ed anche in caso di nebbia non c’è rischio di perdere la via. Fino al rifugio Coston (2661 mt.) il sentiero si snoda su rocce e ghiaia. Un breve tratto esposto è attrezzato con cavi di sicurezza. Siamo giunti al rifugio in 1,20h accolti da una leggera nevicata.
Per scendere abbiamo preso il sentiero n. 2 verso la stazione intermedia della funivia Sulden, dove, appena prima della stazione c’è un bivio.
Da un parte si prosegue sullo stesso sentiero fino alla stazione della funivia per poi prendere sulla carraia che porta a Solda, oppure, tenendo la sinistra, di percorre il sentiero 2A che porta a Solda su un percorso molto più “montanaro”. Noi abbiamo scelto il 2A, che costeggia il torrente Salda lungo una ripida discesa rocciosa in parte attrezzata. La discesa non presenta difficoltà ma occorre prestare attenzione in caso di pioggia per via delle rocce scivolose. Abbiamo percorso questo tratto in 2,15h.

Impressioni sul percorso

Silenzio e solitudine. Le due caratteristiche del primo tratto della nostra escursione, le due cose che a ScriCal piacciono di più. Forse il cattivo tempo ha scoraggiato molti a salire in quota, fatto sta che abbiamo camminato per più di un’ora avvolti nella nebbia e nella totale assenza di altri umani. Certo, la nebbia ci ha scippato un panorama che possiamo solo immaginare essere stato fantastico, soprattutto dopo le nevicate della notte precedente. Ma il fascino di questo mondo lunare ovattato e svelato tratto a tratto è comunque una sensazione di grande emozione.
In questa escursione abbiamo incontrato la neve che, scendendo poi verso valle si è trasformata in pioggia rendendo molto scivolosi tutti i passaggi sulle rocce. Ancora una volta vogliamo ricordare l’importanza di andare in montagna con la giusta attrezzatura, primi fra tutti gli scarponi. Ma anche la mantella – mai usata fino ad ora – si è rivelata preziosa in questa occasione.

Riepilogo tempi e dislivelli

Tratta Tempo Dislivello
Solda – rifugio Langenstein (seggiovia) 15′ + 340 mt (non conteggiato nel totale)
rifugio Langenstein – rifugio Coston 1,25h + 330 mt
rifugio Coston – Solda 2,15h – 750 mt

*Nota*: tempo comprensivo delle soste per fotografie.

by ScriCal