Islanda: tappe del viaggio – Our journey

For not Italian speaking friends (doesn’t it sound funny?), short abstracts in English at the end of every page… or… almost every page. See below the index

Viaggio dedicato ai vulcani in questa terra giovane fatta di lava che si rinnova a ogni eruzione. E in Islanda non poteva mancare il nostro personale “Viaggio al centro della terra” un’esperienza unica che ci ha portati fino a 120 mt. di profondità dentro la pancia di un vulcano.
Tremilacentonovantasette chilometri dopo, ciò che ci rimane dell’Islanda è una mistura di sensazioni difficile da districare. Baciati molto spesso  dal sole, davanti a noi si sono aperti scenari di una bellezza delicata a volte, rude molte altre.
Abbiamo percorso la Hringvegur (la strada principale che percorre il perimetro dell’isola) in senso antiorario e la scelta è stata per noi azzeccata.
La parte sud è più sfruttata turisticamente, gli autobus sciamano nei parcheggi e le bandierine svolazzano per raccogliere frettolosi turisti che vi si accodano dietro. Tra questi molti i gruppi di anziani di diverse nazionalità. Man mano che ci si sposta a est e poi verso nord e infine a ovest, le mete si fanno meno frequentate gli autobus scompaiono, i gruppi si riducono a quattro, cinque persone. Ritorna la calma, ritorna il silenzio, ritorna quella sensazione di selvaggio che questa terra sa esprimere con forza.

Con questo non pensiate che a sud le strade siano trafficate. L’Islanda è quel posto dove se devi fare una foto, semplicemente ti fermi in mezzo alla strada e scatti. Con tutta la calma che ti serve.  Guidi per chilometri in perfetta solitudine e le poche macchine che incroci hanno solo voglia, come te, di allontanarsi e cancellarti dal loro specchietto retrovisore per tornare alla solitudine che questo paese sa regalare.

Ogni giornata è stata diversa, così ad ogni giornata abbiamo dato un nome e quindi, benvenuti nella nostra Islanda:

Tutte le foto e i video del viaggio in Islanda

 Canale youtube di ScriCal / ScriCal Youtube Channel